fbpx

Sognando California: le spiagge di Baywatch

Lo ammetto. Da adolescente guardavo Baywatch. Serie televisiva di bagnini e tette al vento ambientata nelle assolate spiagge della California. Colpa degli addominali di Cody, credo… ma anche Logan sapeva il fatto suo!


Le gare alla “miss maglietta bagnata” che hanno turbato i sogni della popolazione maschile anni ’90, le improbabili riprese sottomarine con il solito cespuglio d’alghe oceaniche ripetuto per dozzine di puntate, il salvataggio dei malcapitati nuotatori con quella corsa al rallentatore che, diciamolo, se i bagnanti avessero realmente atteso quei tempi sarebbero annegati negli abissi più profondi! 

Insomma, un telefilm di dubbio spessore, seguito anche con un certo trasporto ma che, al di là del costume sempre troppo succinto della Pamelona Anderson, ha rappresentato un cult degli anni ’90 e ha comunque ricevuto numerosi premi e onorificenze tra i quali lo Spirit Award, per aver diffuso nel mondo la cultura del salvataggio. Non solo: grazie a Baywatch, alcune persone nello stato della California furono realmente portate in salvo da gente comune che imitò le tecniche di life-saving mostrate nel telefilm! 

Ma veniamo a noi e scusate lo sproloquio: come sapete, adoro il binomio film e viaggi. Le spiagge di Baywatch sono concentrate nella parte meridionale della California e tra le prime troviamo le spiagge di Malibù, in particolar modo la spiaggia di Zuma, ripresa per milioni di volte nella serie. Qui troverete le torrette dei guardaspiaggia (con il salvagente rosso attaccato al gancio!) nonché le jeep gialle utilizzati nel telefilm. 

Quando mi sono trovata davanti a questo set televisivo a cielo aperto non ho resistito e sono salita su una torretta, per uno scatto in posa da guardaspiaggia (dei poveri). Non giudicatemi. Il trash anni ’90 è parte di me. 

Altre scene della serie tv sono state ambientate a Venice Beach, quartiere della zona ovest di Los Angeles. Il litorale di Venice Beach è protagonista di molte altre serie tv e capolavori cinematografici tanto che nella zona vengono effettuati diversi Walking Tours alla scoperta delle diverse location dei film. Volete qualche nome? Oltre a Baywatch qui sono stati girate parti di American Gigolò, Grease e Speed.


A pochissima distanza da Venice Beach troviamo una delle località più conosciute dello Stato del Sole: Santa Monica con la sua spiaggia lunga e profonda, un balcone piatto e scintillante sull’Oceano Pacifico. Profonda, anzi profondissima: rimarrete sorpresi dal tempo che impiegherete per raggiungere la riva! Amata a dismisura dai californiani che la frequentano per le attività più disparate: sfiorare turisti sfrecciando sui roller-blade (dovrebbe diventare una disciplina olimpica), scolpire il fisico con sessioni di body building, andare in bicicletta o semplicemente abbronzarsi e passeggiare sulla riva.

Il set del film non è relegato al solo litorale di sabbia: diverse scene della serie televisiva sono ambientate sia a Will Rogers State Beach dove è situata la centrale operativa dei guardaspiaggia, sia sul Santa Monica Pier, il celebre pontile con la ruota panoramica abbarbicata sulle palafitte. Non trovo parole per descrivervi quanto sia magico passeggiare in questo posto al tramonto, con i bambini che mangiano lo zucchero filato e la luce dorata che avvolge giochi e persone, rendendo ogni cosa illuminata. 


E se anche voi, nel corso del vostro on the road negli States, percorrerete la Route66, salite sul Pier e cercate il celebre cartello “End of the Trail” per rendere un ultimo omaggio ad un’altra attrazione americana che regala divertimento e infinite emozioni.



Tutti i Commenti

  • Ciao Elena, quanti ricordi, non solo per la serie tv ma anche per qquesti posti meravigliosi dove sono stata davvero troppi anni fa! Un bacione

    Un'arbanella di basilico 11 Agosto 2016 21:32 Rispondi
  • Un bacione a te :-* !

    Viaggiare Oltre 11 Agosto 2016 21:33 Rispondi
  • quanti ricordi!! dal vivo deve essere di sicuro un'altra esperienza :))

    Andrea Pizzato 1 Settembre 2016 19:56 Rispondi
  • I'll be readyyyy
    I'll be readyyy
    Never you fear
    No, don’t you fearrrr.

    Ok smetto.

    Viaggiare Oltre 22 Novembre 2016 18:32 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *