fbpx

Cosa Visitare nella Città di Spoleto | Umbria

umbria cosa visitare in 3 giorni
In una rivista specializzata in mete alternative leggiamo: “Anziché il fin troppo trafficato Pont du Gard in Francia, visitate il Ponte delle Torri nella città di Spoleto“. E perchè no? Spoleto si trova nel sud dell’Umbria, in provincia di Perugia, e si è sviluppata sul Monte Sant’Elia. LArco del Druso, risalente al 23 d.c., è il monumento che meglio racconta le antiche origini del borgo ed è dedicato a Giulio Cesare Druso, politico e generale dell’Impero Romano.

umbria cosa visitare in 3 giorni
In realtà ogni angolo di Spoleto è un pezzo di storia. Come riportato all’inizio del post, l’opera che ha maggiormente attirato la nostra attenzione è il simbolo della città, il Ponte delle Torri. 
umbria itinerari in macchina
umbria itinerari in macchina
 
Un acquedotto del tardo Medioevo dove ammirare alberi e colline affacciandosi su uno strapiombo di 82 metri! Sul Ponte delle Torri si presentano due scelte: potete proseguire e fare una passeggiata nel bosco sacro di Monteluco alla ricerca degli eremi francescani sparsi lungo il percorso (qui infatti si dirama uno dei percorsi della via Francigena) oppure tornare indietro e dirigervi verso la Rocca Albornoziana, un’antica fortezza del 1300 che sovrasta la città di Spoleto. 
umbria itinerari in macchina
umbria itinerari in macchina

Passeggiate poi nel centro della città, sostando nelle botteghe artigianali, entrando nel Duomo di Santa Maria Assunta, nel Teatro Romano e arrivate fino alla Torre dell’Olio, chiamata così perché in passato veniva utilizzata per combattere i nemici della città, gettando appunto olio bollente dalla sua sommità. 
umbria cosa visitare in 3 giorni
Tenendo le scale che scendono verso il Duomo di Santa Maria Assunta alla vostra sinistra, vi consiglio di soffermarvi in un negozio chiamato Desir Artigianato. L’entrata è poco più avanti sulla destra. Un paradiso di giocattoli antichi e idee regalo in legno. Ad accogliervi il suo proprietario: un uomo sulla sessantina, di poche parole, perso nel decorare con occhi sognanti i suoi giocattoli. Nonostante non sia possibile fotografare l’interno, siamo convinti che il genio e la creatività delle persone vadano sempre premiati, quindi vi lasciamo il nome. Fatene buon uso e.. passaparola!

Comments are closed.