fbpx

Riquewihr, il paesino de La Bella e la Bestia

“Tutto qui, è un bel paesino. Ogni dì non cambia mai…”

Quanti di voi conoscono a memoria le canzoni dei capolavori della Walt Disney? Aladdin, gli Aristogatti, “La Bella e la Bestia“…? E i castelli, i paesini, i regni incredibili con consiglieri, sirenette e sultani? Li ricordate tutti? Sapete che in molti casi i disegnatori della Walt Disney si sono ispirati a luoghi reali per ricreare le ambientazioni delle fiabe più amate? Un caso è il paesino di Belle de La Bella e la Bestia… eh sì, esiste davvero! Si chiama Riquewihr ed è uno splendido borgo medievale situato nell’Alto Reno in Alsazia, a poca distanza con il confine tedesco. 

Gironzolando nel paese si riescono a collegare diversi elementi ripresi nel cartone di Belle come la fontana dove si siede a leggere in compagnia delle capre belanti o la torre campanaria ripresa più volte nel cartone: è la Torre del Dolden, costruita nel 1291 che in passato fungeva da torre campanaria, torre di guardia e porta di accesso al paese. 

 

Riquewihr è un paesino delizioso con invitanti boulangeries, colorate winstub (locande tipiche) e rivendite di vini pregiati. Ogni dettaglio è unico e prezioso: dai balconi grondanti di fiori alle pittoresche insegne che attraggono fotografi e passanti. 

Riquewihr risulta inoltre immerso in uno splendido contesto: ci troviamo sulla Strada dei Vini in Alsazia ricca di coltivazioni, cantine per degustazioni e schiere di vigneti a perdita d’occhio. 

I colori dell’autunno hanno reso ancora più magica la visita al paese grazie alle foglie variopinte e alle piante rampicanti che brillavano di tutte le tonalità della terra e del sole. Colori che invitano a ripensare a quel perenne cliché “l’autunno è malinconico”. Sarà ma personalmente l’ho sempre visto come una stagione di rinascita e rinnovamento, dove esplodono colori e nuovi sapori. 

A breve racconterò tutto l’itinerario in auto percorso in Alsazia ma per il momento tuffiamoci virtualmente nel paesino di Belle, nella sua versione reale almeno. Proviamo a cercare la locanda di Gaston o ad avanzare per il paese con un libro in mano, schivando artigiani, camerieri in grembiule e velocissimi panettieri. Chissà che non compaia Chicco, Mrs Bric o la simpatica coppia di Lumière e Tockins.

“Conti su di me, mon capitain!”
Sarà la locanda di Gaston?
 

Tutti i Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *