fbpx

Storia del Pasty, delizia della Cornovaglia

Chi l’avrebbe mai detto che un cibo da strada come il pasty potesse essere in grado di raccontare il vissuto di una comunità? Il pasty è una specialità della Cornovaglia con un grande passato e una nobile funzione: rappresentava il pasto caldo dei minatori che nel 1800 affollavano le miniere della contea. La cura nel racchiudere gli ingredienti al suo interno e l’accurata “sigillatura” derivano da questo, dalla necessità di garantire al marito o compagno un pasto caldo che allietasse le lunghe ore trascorse sottoterra. Spesso le mogli che preparavano il pasty incidevano sulla sfoglia le iniziali del marito, per evitare confusioni e litigi fra uomini all’ora di pranzo. 

cosa mangiare in cornovaglia

Gli ingredienti del pasty fornivano il giusto apporto di carne, verdure e carboidrati per supportare il duro lavoro di quel tempo e secondo una leggenda evitavano il sopraggiungere degli spiriti maligniSono due le versioni di questa storia: la leggenda vera e propria racconta che i minatori lasciassero l’ultimo boccone agli knockers, gli spiriti della miniera, per calmare le loro ire; la seconda, più terrena e pratica, vedeva nel lancio dell’ultimo boccone una sorta di protezione dall’arsenico, un potente veleno presente nelle miniere. I minatori, infatti, gustavano il pasty agguantandolo dai bordi e gettavano l’ultimo pezzetto entrato in contatto con le mani per evitare di ingoiare il veleno. 

cosa mangiare in cornovaglia

Esistono numerose varianti del Pasty ma la versione classica prevede carne di manzo abbinata a rape, patate e cipolle tagliate a cubetti. Dove gustarlo? Il pasty lo troverete in numerosi negozi da asporto ma se intendete testare il vero gusto made in Cornwall recatevi nella catena Pengenna Pasties, i cui negozi sono dislocati in diverse località della contea. Ottimo anche come idea pranzo super lowcost

Non ci seguite su Instagram? Sacrilegio!! Cliccate qui 

Volete riprodurlo a casa? Vi lascio la ricetta originale dei Cornish Pasties trovata su Il Giardino dei Ciliegi:

Ingredienti del ripieno: 
– 200 gr di rape 
– 200 gr di patate 
– 500 gr di carne di manzo
– 250 ml di brodo di carne
– 1 Cipolla finemente tritata
– Sale e pepe q.b.
– Olio d’oliva 2 cucchiai
– Worcestershire Sauce
 
Ingredienti per la pasta: 
– 500 gr di farina
– 125 gr di burro + 125 gr di strutto 
– 1 uovo
– 2 cucchiaini di sale
– latte q.b.


Ripieno: Rosolare in un tegame la cipolla con un cucchiaio d’olio e lasciar cuocere per 5-6 minuti. Rosolare la carne e unirla alla cipolla condendo con sale, pepe, un cucchiaio di Worcester Sauce e il brodo. Scottare in acqua salata le patate e sgocciolarle con una schiumarola: tuffare le rape e sbianchirle per un paio di minuti. Cuocere la carne fino alla riduzione completa del brodo. Unire le verdure e mettere il composto da parte. 

Pasta: mescolare farina e sale in un mixer, unire il burro (o burro e strutto se preferite) e qualche cucchiaio di latte sino ad ottenere una palla di impasto che si stacca dal contenitore. Dividere l’impasto in 8 porzioni e ricavare da ciascuna un disco da farcire con il composto di carne e verdure. Chiudere e creare un fagotto a forma di mezzaluna e sigillare i bordi pizzicando il lato aperto. Spennellare con l’uovo sbattuto  e far raffreddare in frigo per almeno 30 minuti. 

Cuocere il tutto in forno preriscaldato a 200° per 20 minuti per poi ridurre la temperatura a 180° per altri 20, sino a quando la superficie diventa dorata.  

Tutti i Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *